Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tirana

Cooperazione culturale

 

Cooperazione culturale

L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NEL SISTEMA SCOLASTICO PUBBLICO ALBANESE


L’Albania è caratterizzata da una diffusa conoscenza orale dell’italiano e, pur in assenza di dati puntuali in merito, si presume che circa il 60% della popolazione comprenda la nostra lingua e almeno il 50% sia in grado di parlarla. L’italofonia è la storica eredità della nostra presenza in questo paese, dovuta in particolare:
• ad una generazione di anziani, che aveva appreso l’italiano durante il Regno d’Italia e di Albania nelle 40 scuole italiane presenti in diverse città albanesi e/o che aveva studiato nelle università italiane;
• all’apprendimento – informale - attraverso i canali radiofonici e televisivi italiani, che ha mantenuto viva la presenza della nostra lingua tra gli albanesi. Essa si è rafforzata nel corso degli ultimi venti anni non solo grazie al libero accesso ai canali televisivi, veicolo molto efficace di diffusione linguistico-culturale, ma anche attraverso l’imprenditoria italiana presente in Albania e l’emigrazione albanese verso il nostro paese.
Sebbene l’italiano continui ad essere diffuso, è tuttavia in atto un’inversione di tendenza. Il settore radio-televisivo non è più il canale di base per l’apprendimento dell’italiano parlato, anche a causa del diverso sistema di trasmissione delle comunicazioni televisive, che oggi non consentono più il libero accesso, in Albania, ai programmi televisivi italiani. Questa nuova situazione va a discapito della conoscenza e della diffusione orale della nostra lingua, sempre meno presente tra le nuove generazioni. Pertanto l’azione di diffusione dell’insegnamento dell’italiano nelle scuole con le Sezioni bilingui, il Programma Illiria ed altre attività è divenuta strategica e fondamentale per il Governo italiano.

SISTEMA SCOLASTICO ALBANESE
Dall'anno scolastico 2008/09 è a regime la Riforma del sistema scolastico albanese, varata nel 2005-06:
• La Scuola di base (obbligatoria dai 6 ai 15 anni) prevede un ciclo della durata di 9 anni (5 di elementari e 4 di scuola media);
• La Scuola media superiore ha un ciclo della durata di 3 anni.
La durata dell'istruzione scolastica è quindi complessivamente di 12 anni, 9 nella scuola di base e 3 nella media superiore.
La scuola tecnico-professionale ha una durata variabile da due a cinque anni secondo gli indirizzi.

RAPPORTI ITALO-ALBANESI
L'intensità dei rapporti culturali e commerciali fra l’Italia e l'Albania e le storiche relazioni tra i due popoli e Paesi favoriscono l’insegnamento della lingua italiana come disciplina curricolare nelle scuole albanesi: tanto come prima e seconda lingua straniera, quanto con il percorso formativo bilingue e biculturale offerto dalle sezioni bilingui. Come prima lingua straniera, l’italiano è insegnato a partire dalla classe III della scuola media inferiore fino alla maturità. Come seconda lingua straniera, l’italiano è insegnato a partire dalla classe VI (prima media) della scuola media inferiore o dalla classe X della scuola secondaria superiore fino alla maturità.

L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO
L’Italia sostiene l'insegnamento della lingua italiana nel sistema scolastico albanese attraverso le seguenti azioni:
1. Accordi bilaterali
1.1. “Illiria”, per l’insegnamento dell’italiano come prima lingua straniera;
1.2. “Sezioni Bilingui”, percorso formativo bilingue e biculturale;
2. La formazione degli insegnanti albanesi d’italiano;
3. La fornitura di materiale didattico per biblioteche e laboratori.

1. 1 PR0GRAMMA ILLIRIA
Il Programma “Illiria” è stato avviato nell’Anno Scolastico 2006 – 2007 nelle scuole dell’obbligo, elementari e medie inferiori, e negli istituti secondari superiori. L'innovazione didattico-formativa, portata avanti da questo programma nel sistema educativo pubblico, consiste nell'introduzione dell’insegnamento dell’italiano come prima lingua straniera dalla III elementare all’ultimo anno della scuola media superiore. L'“Illiria” rappresenta dunque per gli studenti albanesi la possibilità di avvicinarsi, quasi fin dall’inizio del percorso scolastico, alla lingua ed alla cultura italiana; fornisce un contatto formativo di notevole importanza per la crescita culturale, la cui spendibilità è rilevante se si considerano gli attuali rapporti bilaterali tra Italia e Albania e, soprattutto, le prospettive di sviluppo degli interscambi culturali e commerciali tra i due Paesi.
L’Italia, come accennato sopra, sostiene quest’azione con la fornitura di materiale didattico, con contributi per facilitare le attività d’insegnamento e la formazione dei docenti e inoltre contributi per le cattedre della lingua italiana.
Attualmente l'insegnamento dell'Italiano è operativo in tutti distretti, sia come prima che come seconda lingua straniera.
Dagli ultimi dati statistici del 2014-2015, si stima che circa 60.265 studenti albanesi del segmento dell’istruzione pre-universitaria accedano all’apprendimento della lingua italiana inserita nel curriculum scolastico.

1. 2 SEZIONI BILINGUI ITALO-ALBANESI
La scuola italiana nella scuola albanese
Il Memorandum d’intesa, firmato dai due Governi il 26/4/2002, ha dato il via alle Sezioni Bilingui italo-albanesi nelle scuole secondarie superiori. Il loro percorso formativo è bilingue e biculturale e il 50% delle discipline sono insegnate in italiano. La prima Sezione Bilingue è stata attivata a Tirana nel Settembre 1998, mentre le altre due Sezioni di Korça e Scutari hanno avviato la loro attività nel Settembre 2000.
Nel gennaio del 2011 è stato firmato un nuovo Memorandum d’Intesa tra Italia e Albania che sostituisce il precedente del 2002 e prevede un percorso diviso tra la scuola media inferiore e quella media superiore.
Nella scuola media inferiore dalla VI alla IX classe base (quattro anni), è previsto l’insegnamento della sola lingua italiana con moduli per le materie scientifiche nelle classi VII e IX.
Nella media superiore dalla X alla XII classe o “gjimnaz” (tre anni), è previsto l’insegnamento della lingua e letteratura italiana nonché di altre discipline in lingua italiana come matematica, fisica, biologia, storia e storia dell’Arte. Con riferimento a quest’ultimo tipo di scuole, le Sezioni Bilingui italo-albanesi sono equiparate ai Licei albanesi o “gjimnaz”e sono attualmente in funzione nelle città di Tirana, Korça e Scutari.
Il percorso formativo delle Sezioni Bilingui si propone le seguenti finalità:
•per gli alunni:
una formazione d’eccellenza che garantisca agli studenti un insieme di conoscenze e competenze spendibili tanto in Italia quanto in Albania, sia per il proseguimento degli studi superiori sia sul mercato del lavoro, oltre alla capacità di essere i “facilitatori” nelle relazioni tra i due Paesi;
• per gli insegnanti:
un'esperienza di arricchimento della propria professionalità attraverso la cooperazione educativo-formativa, lo scambio di metodologie e di esperienze. In tutte le Sezioni, al fine di migliorare la collaborazione tra docenti italiani e albanesi e per mantenere un alto livello nella qualità dell’insegnamento, si organizzano periodicamente seminari di formazione atti a favorire una programmazione didattica integrata e multidisciplinare, adeguata anche alle finalità generali delle sezioni e agli obiettivi specifici del percorso. L’introduzione presso le Sezioni albanesi di momenti di collegialità, già previsti nel sistema scolastico italiano, è un ulteriore elemento di integrazione fra i due sistemi scolastici in un’ottica di formazione anche europea.
•per i due Paesi:
un’opportunità per sperimentare un percorso formativo di livello europeo, caratterizzato dal dialogo tra culture, nel rispetto delle identità, in un settore particolarmente sensibile qual è quello dell’educazione e della formazione.
Le Sezioni Bilingui hanno quindi l’obiettivo di formare studenti che potranno in futuro svolgere il ruolo di “facilitatori” nei rapporti tra i due Paesi, capaci di portare avanti la sfida europea del dialogo e della comprensione interculturale.
Il percorso formativo delle Sezioni Bilingui italo-albanesi è umanistico-scientifico e si sviluppa come segue:
• durata degli studi: 7 anni, di cui 4 anni nella scuola di base e 3 nel liceo;
• oltre il 50% delle ore di lezione sono svolte in lingua italiana; lo studio dell'italiano inizia dalla VI classe, con insegnanti italiani e albanesi;
• dalla X classe sono insegnate in italiano le seguenti discipline: Lingua e Letteratura italiana, Matematica e Fisica, Storia, Arte e Biologia;
• in ogni sede di sezioni sono presenti tre docenti della scuola italiana, inviati dal Ministero degli Affari Esteri: 1 di Lingua Italiana, 1 di Lingua e Letteratura Italiana e 1 di Matematica e Fisica. Il Ministero degli Affari Esteri Italiano fornisce inoltre i libri di testo, materiale didattico e strumenti per i laboratori.
Il grado di conoscenza della lingua italiana in uscita dalla XII classe di liceo, secondo il quadro comune di riferimento europeo delle lingue, è pari al livello C1. Lo studente sarà, quindi, in grado di capire senza difficoltà tutto quello che legge o ascolta, di esprimersi in modo spontaneo, molto scorrevole e preciso. Sarà, cioè, in possesso di un profilo formativo immediatamente spendibile, sia sul mercato del lavoro sia per il proseguimento degli studi superiori.
Le Sezioni Bilingui sono funzionanti nelle seguenti scuole medie superiori:
• “Ismail Qemali” a Tirana;
• “ Themistokli Gërmenji” a Korça;
• “ 28 Nentori” a Scutari.
Le Sezioni Bilingui, nuovo ordinamento, nelle seguenti Scuole medie inferiori:
• “Pjeter Budi” e “E Kuqe” di Tirana;
• “Sevasti Qiriazi” e ”Pandeli Cale” di Korca;
• “Ismail Qemali” e “Ndre Mjeda di Scutari.

Piano di studi

Il percorso formativo, già dall’anno scolastico 2009-10, è stato esteso alle scuole di base (scuole medie inferiori), nelle classi VI e IX, al fine di facilitare l’accesso alle sezioni bilingui e aumentare le conoscenze e le competenze in lingua italiana degli alunni.
Gli studenti delle sezioni bilingui possono iscriversi all’università in Italia senza sostenere l’esame di Certificazione di Conoscenza della Lingua Italiana (CELI3) e i migliori alunni, iscritti presso le università italiane, ricevono borse di studio del Ministero Affari Esteri italiano .

Lista scuole private

1. Elementi generali.
Strettamente connesso ai programmi intergovernativi di diffusione dell’italiano nelle scuole (Programma Illiria e Sezioni Bilingui italo-albanesi), è l’impegno che il Ministero degli Affari Esteri italiano profonde da anni per la preparazione iniziale degli insegnanti di italiano nelle locali Università.
Ricevono sostegno con l’invio di professori di ruolo italiani con funzioni di Lettore gli atenei di Tirana e Valona. Vengono inoltre erogati contributi per il pagamento di docenti locali e per il loro aggiornamento didattico, per progetti didattici speciali, e per le forniture di libri e materiali didattici. Nell’a.a. 2015/2016, gli studenti universitari albanesi che studiano l’italiano a vario titolo sono risultati essere in totale 3.500 ca, di cui 1.300 iscritti ai corsi di Laurea in Italiano, 1.200 che lo studiano come seconda lingua straniera (LS2), 1.000 che studiano la nostra lingua in corsi di laurea in altre discipline (in particolare i corsi di laurea per infermieri e quelli di economia). L’Università di Tirana è al momento l’unica ad avere un vero Dipartimento di Italiano, con 16 docenti. Nelle altre Università, si tratta di Sezioni di Italiano, con docenti prevalentemente a contratto temporaneo, funzionanti all’interno di Dipartimenti di Lingue Straniere. A partire dall'a.a. 2007/2008, le Università albanesi hanno cominciato a programmare i corsi sul modello 3+2 (laurea triennale + laurea specialistica, o master), come indicato dalla Dichiarazione di Bologna del giugno 1998, cui l’Albania ha aderito nel settembre del 2003.
Due le specializzazioni previste nel biennio finale: Didattica dell’italiano; Traduzione e Interpretariato.
L’accesso all’indirizzo di interpretariato è riservato al 30% degli studenti.
Il titolo finale è abilitante alla relativa professione di insegnante o di interprete.


2. Dati sulle singole Università dove è presente un Lettore d'Italiano.
UNIVERSITÀ STATALE di TIRANA
Indirizzo: Rruga e Elbasanit - Tel/fax: +355 4 2371668 +355 4 2371668 FREE
Decano della Facoltà di Lingue Straniere: Prof.ssa Klodeta Dibra (e-mail: klodetadibra@rocketmail.com )
Direttore del Dipartimento di Italianistica: Prof. Artur Sula (e-mail: artursula2000@gmail.com )
Lettore di Italiano: Tiziana Di Fabio (e-mail: tdifabi@tin.it)
È stata la prima Università albanese ad avviare, nell’a.a 1984/85, un Corso di laurea in italiano. Il Dipartimento di Italianistica è l’unico presente in Albania, ed è molto attivo nell’intraprendere iniziative di collaborazione esterne, sia con Università italiane (come il Consorzio Interuniversitario Icon) che con altri soggetti e istituzioni straniere operanti nella diffusione della lingua italiana, come per esempio la “Società Dante Alighieri”. Dispone di una ricca biblioteca e di un laboratorio di informatica, realizzati con prevalenti apporti del Ministero degli Affari Esteri Italiano.
Presso il dipartimento sono attivi un corso di laurea triennale (primo ciclo) in Lingua e civiltà italiana, e un corso di laurea specialistica (secondo ciclo) articolato su tre indirizzi: Didattica della lingua straniera/Insegnamento della Lingua Italiana; Traduzione ed Interpretariato; Lingua e comunicazione interculturale e turistica.
L’università di Tirana annovera oltre 1.400 studenti che studiano la lingua italiana a vario titolo.
Va infine segnalato che l’ateneo di Tirana è tuttora l’unico in Albania ad aver attivato un dottorato di ricerca in Italianistica (terzo ciclo), che rappresenta nella maggior parte dei casi un’occasione di ulteriore perfezionamento negli studi per i docenti d’italiano che già lavorano nelle scuola ed università albanesi.
Il Dipartimento – anche per l’ottima collaborazione stabilitasi con l’Ambasciata e con l’Istituto Italiano di Cultura e grazie al dinamismo dei Lettori che si sono succeduti nel tempo – ospita e organizza frequenti attività promozionali della lingua italiana aperte anche a referenti esterni (convegni, mostre, conferenze, spettacoli ) ed ha attivato importanti collaborazioni di ricerca con istituzioni universitarie italiane.


UNIVERSITA’ STATALE “Ismail Qemali” di VALONA
Indirizzo: Rruga Pavaresia 12, Skele, Valona - Tel/fax: 00355 (0)33 22288
Rettore: Prof. Albert Qarri
Preside Facoltà Scienze Umanistiche: Prof. Lorenc Prifti
Capo Dipartimento Lingue Straniere: Prof. ssa. Zamira Alimema
Lettrice di Italiano: Prof.ssa Angela Mottola (mottola@keynes.scuole.bo.it)
L’Università di Valona offre sia la Laurea triennale, sia quella specialistica (Master in lingua italiana). Vi è anche uno Spazio della Cultura Italiana, che dispone di una ricca biblioteca.
Il Corso di laurea in italiano è stato istituito nell’a.a. 2002 – 2003 e conta circa 90 studenti iscritti, cui si aggiungono coloro che studiano l’italiano come seconda lingua straniera, per un totale di oltre 350 studenti.
Il corpo docente del corso di laurea in italiano conta 6 Docenti, specializzati negli indirizzi diversi di studio (traduzione, letteratura, didattica, grammatica), due Dottori di ricerca, uno in corso di Dottorato e altri quattro con Master Specializzato.
Un punto forte del Dipartimento e’ la collaborazione stretta con il Consolato Generale di Valona e con le Università di Perugia e Lecce.

 


 

 


46