Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_tirana

Cooperazione Politica

 

 

Italia-Albania: cooperazione politica

Il rapporto tra l’Italia e l’Albania è da anni forte e intenso e poggia su solide fondamenta storiche, culturali ed economiche, favorite anche dalla prossimità geografica. Per l’Albania l’Italia resta un interlocutore privilegiato: il nostro Paese è sempre stato in prima linea nel sostenere la transizione dell’Albania e il suo percorso europeo; è stato il primo donatore bilaterale nell’arco degli ultimi venti anni, è il principale partner commerciale, un importante investitore ed ospita la più fiorente comunità albanese all’estero.

A dimostrazione di questo legame, per sancire i quasi vent’anni di collaborazione e di incontri bilaterali, il 12 Febbraio 2010 è stata firmata a Roma la ”Dichiarazione sullo Stabilimento di un Partenariato Strategico’’ tra i due Paesi, incentrata su sette aspetti cruciali della cooperazione tra Italia e Albania.

Di primaria importanza è il sostegno dell’Italia al processo di integrazione europea dell’Albania e il nostro deciso appoggio alle sue aspirazioni euro atlantiche. Il percorso avviato da Tirana, segnato da tappe importanti come l’adesione alla Nato nel 2009, la liberalizzazione dei visti nel dicembre 2010 e la concessione dello Status di Paese Candidato nel giugno 2014, è giunto ad una fase cruciale che vede le Autorità e la società albanese impegnate a varare le riforme necessarie per ottenere l’apertura dei negoziati di adesione all’UE.

La relazione che lega il nostro Paese con l’Albania è da intendersi anche come forma di politica regionale che l’Italia porta avanti nei Balcani. L’Albania si caratterizza per l’esemplare convivenza pacifica tra religioni e per la cultura pienamente europea del suo popolo. Anche in virtù della presenza di proprie comunità nei Paesi vicini, tra cui Macedonia, Grecia, Montenegro e Serbia, Tirana svolge un ruolo di mediatore in un’area così complessa e, in passato, teatro di guerre e violenze etniche. L’Italia apprezza la posizione conciliante da anni assunta dall’Albania, lontana da tendenze nazionaliste ed estremiste, nella speranza di una piena normalizzazione nei rapporti tra tutti i Paesi della Regione.

Altro importante terreno di cooperazione è la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. In questa direzione vanno tutte quelle forme di assistenza e partenariato in materia giuridica, di polizia e militare, che i due governi stanno portando avanti, tra cui l’accordo di cooperazione giudiziaria in materia di estradizioni.

La comune visione della politica internazionale si riflette anche nell’ottimo livello di cooperazione tra Italia e Albania in seno agli organismi delle Nazioni Unite, volta a favorire delle riforme che possano garantire maggiore efficacia a tali organi.

Il legame tra Italia e Albania riguarda dunque un’ampia varietà di settori che vanno ad intrecciarsi e sovrapporsi con la cooperazione politica. La collaborazione in questi diversi campi viene regolarmente tenuta viva anche grazie ai frequenti colloqui bilaterali, a tutti i livelli, tra i rappresentanti dei rispettivi governi.

Tra le principali visite negli ultimi anni, si segnala la visita di Stato in Albania del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (il 5 marzo 2014) ed i suoi incontri con il Capo dello Stato, il Presidente del Consiglio e il Presidente del Parlamento albanesi. Il 5-6 maggio 2014 è giunto in Albania il Presidente del Senato Italiano, Pietro Grasso, che oltre ai colloqui istituzionali ha avuto incontri con rappresentanti del mondo imprenditoriale italiano attivo in Albania. A livello di Premier si ricorda la visita in Albania del Presidente Matteo Renzi il 30 dicembre del 2014 ed i suoi incontri con il Capo dello Stato, il Presidente del Consiglio e il Presidente del Parlamento albanesi. Il Capo della diplomazia italiana, Paolo Gentiloni, è giunto in Albania per ben due volte: a settembre del 2015 in occasione dell’Incontro Internazionale per la Pace promosso e organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, e a gennaio del 2016 per partecipare alla seconda riunione in formato trilaterale dei Ministri degli Affari Esteri di Albania-Italia-Serbia. 

Per un elenco dettagliato delle visite e degli incontri, consulta la sezione Incontri.

 

 


26